e-letter di Chiara Scuvera

5 anni di lavoro insieme: grazie al nostro straordinario territorio

Con l’approvazione dell’ultima legge di bilancio, ci avviamo al termine della legislatura. Sono stati 5 anni difficili, per il contesto politico e socioeconomico, ma anche entusiasmanti e di intenso lavoro, a Roma e sul territorio. Senza un confronto continuo con tutti voi e con il nostro territorio tutto questo non sarebbe stato possibile. Per questo ringrazio i cittadini e le cittadine, le associazioni, i circoli PD per le idee messe in campo, le critiche, lo stimolo a fare meglio. Difficile fare un bilancio di questi anni in poche righe. Possiamo però dire che ci avviamo a concludere il mandato, grazie alle risorse che i nostri Governi hanno stanziato rispondendo positivamente ai nostri atti parlamentari, con la bonifica dell’area ex FIbronit e i restauri alla Certosa di Pavia, con valorizzazione del relativo museo, in corso. Ce ne andiamo lasciando al Paese la legge contro il caporalato, la legge contro le dimissioni in bianco, il piano Industria 4.0, la legge sugli ecoreati, la legge sui piccoli Comuni, la legge sulle unioni civili, la legge sul fine vita e tanto altro. Dobbiamo fare meglio sulla riforma del lavoro (su cui credo si dovrà tornare) e riaprire il capitolo delle riforme istituzionali, sempre guardando al domani e alla contemporaneità.
Nel complesso in questa legislatura ho presentato 61 atti ispettivi e atti di indirizzo 17 ordini del giorno, che potete consultare Qui. I temi degli atti ispettivi sono stati vari: dalla bonifica dell’area ex Fibronit alle crisi aziendali (Merck, Cameron, Marvell), dal punto  nascita di Vigevano alla crisi idrica del Ticino fino al ponte della Becca. Negli atti di indirizzo ho posto temi oggetto della mia attività prettamente legislativa, come proponente (5 le mie proposte di legge) o come relatrice: dall’accesso dei minori alla mensa scolastica, al commercio equo e solidale, al congedo di maternità da ricongiungimento familiare per le donne migranti, al brevetto unitario europeo(cui l’Italia ha aderito), alla revisione degli studi di settore, alla conciliazione vita lavoro, alla disciplina dell’utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura.
Ho partecipato al 97.88% delle votazioni in Aula, oltre naturalmente al lavoro come componente delle commissioni Attività Produttive e Politiche Europee.
Si apre ora una fase decisiva per il Partito Democratico e per il territorio: non mancherà il mio contributo. E la prospettiva dev’essere quella di un progetto innovativo e inclusivo per le elezioni politiche del 2018.


[Continua a leggere…]

Interrogazione Scuvera su Cossa: istanze studenti giuste

SCUVERA TICINOCondividendo le istanze della Rete pavese degli Studenti Medi, ho presentato un’interrogazione ai ministri dell’Istruzione e dei Trasporti per risolvere il problema degli allagamenti all’Istituto Superiore Cossa di Pavia, problema che comporta periodiche interruzioni delle lezioni. Ho chiesto al Governo di intraprendere azioni per mettere in completa sicurezza l’edificio scolastico, per sostenere in modo strutturale l’intervento della Provincia.

Nuovo Ponte della Becca: il Governo accoglie odg Scuvera

SCUVERA TICINOStabilire un cronoprogramma definitivo per il finanziamento del nuovo Ponte della Becca, agevolando anche il passaggio di competenza della Statale Provinciale 617 Bronese dalla Provincia all’anagrafe (tenendo anche conto della programmazione della società mista con Regione) per dare certezza al territorio pavese e al suo sistema economico della effettiva realizzazione dell’opera. È l’impegno che il Governo si è assunto accogliendo, come raccomandazione,  l’ordine del giorno che la deputata Pd Chiara Scuvera ha presentato sul decreto fiscale, sottoscritto anche dai deputati Alan Ferrari e Andrea Mazziotti di Celso.

L’art.  15-quater del decreto fiscale stanzia 35 milioni per l’anno 2017 per la messa in sicurezza dei ponti già esistenti sul Po, con cui si potranno finanziare ulteriori interventi di messa in sicurezza. Ed è a questo che Scuvera aggancia la prospettiva futura.

“Oltre agli interventi per la messa in sicurezza delle Infrastrutture esistenti, fondamentale, dobbiamo andare avanti con il cronoprogramma, secondo l’iter già tracciato, per la realizzazione del nuovo ponte della Becca. Occorre sbloccare il passaggio di competenza dalla Provincia allo Stato. La cosa più semplice sarebbe un passaggio diretto ad Anas, se i tempi di costituzione della società mista Anas/Regione fossero incerti. È questo il nodo da sciogliere per dare certezze al territorio. Ed è in tale contesto che si inserisce il tema delle risorse”

Roma, 30 novembre 2017

 

Professionisti: Scuvera, arriva l’equo compenso

“Approvato al Senato nel decreto fiscale l’equo compenso per tutti i professionisti, un principio-tutela verso le committenze forti, come banche, assicurazioni e grandi imprese, ma anche la PA. Un passo avanti importante per tutelare tanti giovani professionisti”. Lo dichiara Chiara Scuvera del PD, relatrice in commissione Attività produttive alla Camera di un disegno di legge, compatibile con il testo del Senato, che persegue l’obiettivo di riequilibrare la posizione del professionista avvocato nei confronti dei soggetti economicamente forti e rispetto a cui Scuvera ha espresso parere favorevole con la condizione dell’estensione a tutte le professioni e anche verso la PA. Proprio in questa direzione va la norma approvata dal Senato.
“La norma, sollecitata anche dalle reti professionali della provincia di Pavia – spiega Chiara Scuvera – si applica anche alla Pubblica Amministrazione che, in attuazione ai principi di trasparenza, buon andamento ed efficacia delle proprie attività, garantisce il principio dell’equo compenso in relazione alle prestazioni rese dai professionisti in esecuzione di incarichi conferiti dopo l’entrata in vigore della legge”.
Roma, 17 novembre 2017

Piana: Scuvera chiede intervento del Governo per sbloccare situazione

SCUVERA TICINO

Quali iniziative intenda intraprendere il Governo per salvaguardare i lavoratori della Piana Spa, azienda metalmeccanica di Stradella oggi in liquidazione e in attesa di una concreta proposta di acquisto da terzi. E’ l’interrogazione che la deputata PD Chiara Scuvera ha presentato in Commissione al Ministro dello Sviluppo Economico.

“I 73 lavoratori dell’azienda metalmeccanica Piana spa di Stradella sono ormai da mesi in agitazione perché la proprietà non starebbe erogando le ultime mensilità né la parte previdenziale, a seguito della messa in liquidazione dell’azienda – spiega Chiara Scuvera – Esisterebbero proposte di acquisto da parte di terzi, ma per ora non vi è nulla di formale. Purtroppo il termine di fine mobilità scade il 20 novembre e dal 22 novembre sarebbero previste le procedure di licenziamento collettivo. Secondo fonti giornalistiche, la proprietà si sarebbe impegnata a non notificare licenziamenti fino alla fine della trattativa di vendita. Ma questo non è sufficiente a garantire la tranquillità ai lavoratori interessati.
Per questo ho chiesto che il Governo si faccia carico di chiarire la situazione ed eventualmente di trovare una possibile via d’uscita”.

Roma, 15 novembre 2017