e-letter di Chiara Scuvera

Un altro vile e crudele atto terroristico ha colpito il cuore dell’Europa. Come ha detto la presidente della Camera  Laura Boldrini, l’Europa non può cedere all’odio. Ha perso la vita anche Fabrizia Di Lorenzo, una giovane italiana, una giovane europea, una cittadina del mondo. A Fabrizia e alla sua famiglia e a tutte le vittime della strage solidarietà e vicinanza.

 

Alla Camera

Monte dei Paschi: un intervento pubblico per tutelare i risparmiatori

Questa settimana abbiamo approvato con 389 voti favorevoli, 134 contrari e 8 astenuti la risoluzione di maggioranza che ha dato il via libera alla richiesta urgente del Governo di aggiornare gli obiettivi programmatici di finanza pubblica di 20 miliardi di euro allo scopo di tutelare i risparmiatori qualora si materializzino rischi nel settore bancario viste le profonde difficoltà della Monte dei Paschi di Siena. Il provvedimento si è reso necessario per consentire al Governo un margine d’intervento per fornire in ogni caso una garanzia di liquidità atta a ripristinare la capacità di finanziamento a medio e lungo termine e per avviare un programma di rafforzamento patrimoniale con l’intervento dello Stato ed evitare l’innesco del  bail in per il salvataggio forzato della banca.

Qui il la relazione al Parlamento
Qui la risoluzione approvata

In Commissione

E-commerce e tutela dei consumatori

In Commissione Attività Produttive abbiamo proseguito i lavori sull’Atto europeo, di cui sono relatrice, relativo alla proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulla cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell’esecuzione della normativa che tutela i consumatori. Martedì abbiamo svolto alcune audizioni: Autorità Garante della Concorrenza e Direzione generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica al Ministero dello sviluppo economico, oltre ad avere ricevuto osservazioni da Altro consumo.

Qui il testo del provvedimento
Qui la mia relazione illustrativa

Sul territorio

No alla discarica  di cemento-amianto a Ferrera Erbognone

Ho presentato una seconda interrogazione al Ministro dell’Ambiente Galletti sulla questione della realizzazione della discarica monodedicata di cemento-amianto a Ferrera Erbognone, un’opera che è stata prevista in un luogo non idoneo e che rappresenta un pericolo per la popolazione locale e per il territorio. A preoccupare non è soltanto la vicinanza alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi (che come sappiamo è stata interessata da un incidente)ma anche l’inserimento del sito in una zona ad altissima vocazione agricola. Al Ministro ho chiesto quali iniziative intenda assumere al riguardo, anche in relazione all’esigenza di ottemperare agli impegni derivanti dall’adesione all’Unione europea in materia di smaltimento dei rifiuti contenenti amianto e di scongiurare rischi ambientali e sanitari.

Qui il testo dell’interrogazione

http://www.unicef.it/web/landing/2016/12/coperte/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *